Tumore e lavoro, un’indagine a tutto tondo

L’impatto del cancro sembra destinato a crescere per le aziende nei prossimi decenni.

Gli esperti prevedono la continua crescita del numero di lavoratori colpiti dal cancro, a fronte dell’aumento dell’età lavorativa e i miglioramenti nella diagnosi precoce e nei trattamenti della malattia, che portano a un miglioramento dei tassi di sopravvivenza.

Le aziende interessate a fornire un ambiente in cui possono attrarre e mantenere personale di talento, devono prendere coscienza di questo fenomeno ed intervenire.

Sono le conclusioni del Rapporto “Il cancro sul posto di lavoro” pubblicato dall’Economist Intelligence Unit (EIU) e sponsorizzato da Bristol-Myers Squibb. Il rapporto valuta le sfide che il cancro pone per i datori di lavoro, esamina le politiche e le migliori prassi delle aziende per affrontare le esigenze di coloro che sono colpiti dalla malattia ed esplora le misure possibili per rafforzare il sostegno di chi si ammala sul posto di lavoro.

Il rapporto si basa su un sondaggio online di 500 executive – di cui 150 in Europa – e dieci interviste approfondite con esperti in materia di cancro sul posto di lavoro, completato da un’ampia ricerca dati.

I risultati dell’indagine si possono riassumere in cinque punti:

  1. La sopravvivenza media per un paziente oncologico è passata da 1 anno nel 1970 a circa 6 anni oggi. Questi dati sono confermati anche in Italia dove, secondo AIRTUM, sopravvivono oggi più di 3.000.000 di persone con diagnosi pregressa di cancro, di cui un terzo in età produttiva. Gli executive intervistati sono consapevoli dei maggiori rischi che questo introduce per le aziende: il 52% sottolinea la potenziale perdita di produttività; il 50% è preoccupato dall’aumento dei canoni assicurativi; il 48% teme l’aumento dei giorni di malattia dei dipendenti e infine il 42% concorda sul fatto che stiano aumentando gli oneri economici e sociali del cancro.
  2. Cominciano a diventare evidenti le difficoltà di reintegro dei sopravvissuti al cancro nei luoghi di lavoro. Molti di coloro a cui è stato diagnosticato il cancro rientrano al lavoro: la maggior parte è guidata da necessità finanziarie, ma molti riportano altri vantaggi dal loro ritorno al lavoro, non da ultimo che dà loro un senso di normalità, fornisce una routine e li aiuta a sentirsi produttivi. Tuttavia, molti di quelli che ritornano al lavoro affrontano una serie di difficoltà, come ad esempio affrontare la stanchezza ed altre conseguenze del cancro e del suo trattamento. Nel sondaggio dell’Economist, un significativo 44% degli executive afferma di essere preoccupato o molto preoccupato di reintegrare i sopravvissuti al cancro sul posto di lavoro. E più di un terzo (37%) esprime preoccupazione per la discriminazione nei luoghi di lavoro contro i malati. La situazione italiana su questi aspetti è ben delineata nella sezione del report che riguarda i singoli stati. I pazienti affetti da tumore e i sopravvissuti in Italia hanno alcuni importanti vantaggi legislativi potenziali, come rimarcano Elisabetta Iannelli e Laura Del Campo, rispettivamente Segretario Generale e Direttore della Federazione Associazioni di Volontariato in Oncologia: dal 2007 le persone con diagnosi di cancro hanno beneficiato dell’accelerazione del processo di riconoscimento del loro status di disabilità, che dà accesso a benefici economici e sociali: il processo è stato accelerato a 15 Giorni dalla media di 12 mesi precedenti10. Inoltre, la legislazione passata nel 2003 consente ai pazienti affetti da tumore di passare dal lavoro a tempo pieno a quello a tempo parziale e di tornare al proprio stato precedente non appena la loro condizione lo consenta. Tuttavia, lo stigma che circonda la sopravvivenza al cancro rimane un problema: “Questa barriera culturale – la stigmatizzazione – è la causa fondamentale della maggior parte delle altre sfide che i sopravvissuti affrontano in Italia. Si basa sulla convinzione errata che avere il cancro sia ancora una condanna a morte. Questa convinzione influisce sull’accesso della gente al lavoro, alla finanza e all’assicurazione, e anche alle relazioni personali “, secondo Pietro Presti, direttore generale della Fondazione Edo Elvo Tempia, fondazione privata italiana che si occupa della prevenzione e dello screening del cancro, di psico-oncologia e ricerca in oncogenomica. La sensibilizzazione può fare molto per superare questo problema. Ad esempio, le persone spesso sono riluttanti ad utilizzare le disposizioni della legge del 2003 per passare dal tempo pieno al tempo parziale perché non vogliono che i loro datori di lavoro ei loro colleghi sappiano che hanno avuto il cancro. Allo stesso modo, le compagnie assicurative e le banche spesso non capiscono l’impatto del cancro, rendendo difficile ottenere un’ipoteca o un’assicurazione sulla vita.
  3. Un numero sempre crescente di aziende sta sviluppando strategie di salute e benessere complessive per i propri dipendenti, motivate in parte dal dovere di cura che le aziende hanno per la loro forza lavoro e in parte dal crescente costo dei benefit aziendali. Molte di queste strategie si concentrano su un approccio preventivo, che include la promozione di screening regolari e stili di vita sani. Secondo i risultati dell’indagine, gli screening sanitari sono offerti da più della metà delle organizzazioni degli intervistati. Poco meno della metà afferma che le loro organizzazioni offrono politiche flessibili e smart working, che promuovono l’equilibrio tra vita lavorativa e personale; scelte alimentari sane sul luogo di lavoro; incentivi per smettere di fumare e programmi di sensibilizzazione delle malattie. Altre forme di supporto più mirate, come i programmi di gestione del peso, sono meno comuni.
  4. Nonostante la diffusione di buone pratiche come queste, la responsabilità di trattare con i dipendenti affetti da tumore ricade troppo spesso sui manager, senza il supporto dei dipartimenti HR delle aziende. Quasi due terzi degli intervistati (65%) credono che i manager della loro azienda siano abbastanza ben attrezzati o molto ben attrezzati per sostenere rapporti diretti che si occupano di cancro. Tuttavia, una minoranza significativa del 12% crede che i gestori non siano ben attrezzati o non siano affatto ben attrezzati. Inoltre, esiste un significativo margine di miglioramento nelle pratiche e nelle politiche del datore di lavoro per rafforzare il sostegno sul posto di lavoro ai lavoratori con cancro e per coloro che soffrono del cancro in altri modi, come i caregivers. Quasi quattro intervistati su dieci, in Europa, concordano con le affermazioni che “le aziende non supportano sufficientemente i dipendenti con malattie gravi” e “la mia azienda dovrebbe migliorare le sue pratiche e le sue politiche sui lavoratori con malattie gravi”.
  5. Dove le aziende possono fare meglio? Quando si chiede in quali aree ritengono che la loro azienda ha ancora bisogno di migliorare le proprie pratiche e politiche nei confronti dei lavoratori con diagnosi di cancro, la maggioranza degli intervistati afferma “attraverso la formazione per preparare i manager a gestire rapporti diretti malati”. Ma c’è anche spazio per migliorare anche altre aree, tra cui la necessità di una migliore informazione sulle linee guida e le politiche della loro società per malattie gravi, consigli su come apportare adeguamenti del carico di lavoro che aiuteranno i lavoratori malati e aumentare la conoscenza dei servizi di counseling eventualmente disponibili.

c1028 BMS_Cancer in work place_V3

In conclusione, gli esperti intervistati per questa ricerca raccomandano una strategia a tutto tondo mirata a gestire il cancro sul posto di lavoro, che copra quattro elementi chiave:

1) la prevenzione, che è in gran parte costruita attorno alla consapevolezza e all’educazione;

2) l’accesso agli screening;

3) l’accesso al trattamento in caso di sintomi;

4) l’integrazione nel posto di lavoro.

In particolare il primo punto è la missione di KnowAndBe.live, la mia avventura imprenditoriale, di cui presto vi racconterò i dettagli.
Stay tuned

photo credit: Campagna di comunicazione “XII Giornata Nazionale del Malato Oncologico – 21 maggio 2017” | http://www.governo.it
Annunci

Dimmi la tua ...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...