Consapevolezza e resilienza

Attila lo conoscete.

38624585_10156772243052122_5581929021903470592_o

Acquistato a giugno del 2008 per la terrazza della casa al mare, è rimasto con me, nel mio salotto, per ben due motivi. Uno contingente, perché a luglio del 2008 mi hanno diagnosticato un tumore al seno e quell’anno le vacanze al mare son saltate. Uno più profondo, perché tutti i giorni mi ricorda la paura, la fatica e la gioia della mia personale crisi, che mi ha resa più consapevole e più resiliente.

Fra l’autunno del 2008 e la primavera del 2009, io mi sono allenata. A smettere di programmare la mia vita al secondo, perché il percorso di cura andava adattato ad ogni segnale di reazione del mio corpo. A vivere gli affetti a distanza, a non andare al cinema e a rinunciare a tante occasioni di socialità, perché un’infezione presa durante la chemio poteva essere fatale. All’incertezza dell’esito delle cure, che per fortuna è stato positivo 😌.

Nei 5 anni successivi mi sono allenata a non viaggiare, perché quello è stato il tempo che il mio corpo ci ha messo a tornare efficiente.

E ancora oggi conservo la consapevolezza che non ce l’avrei mai fatta, senza l’aiuto degli altri.

Oggi è Attila che si allena, perché fra qualche giorno io uscirò di casa, come tutti voi, e lui ogni mattina dovrà ricordarmi che il meglio deve ancora venire e che #insiemecelafaremo🌈

Dimmi la tua ...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...